“LADRI DEL PARADISO” DI RICHARD DOETSCH – capitolo 42

Le foglie vivevano i loro ultimi giorni di gloria, il cambiamento era già nell’aria. I colori si sarebbero presto trasformati in un mosaico di rosso e oro, com’è sempre stato a memoria d’uomo. I fiori che Micheal aveva piantato un mese prima erano ancora in piena fioritura, quelli che Mary preferiva: margherite. Si inginocchiò davanti a una semplice lapide, il vento settembrino a scompigliargli i capelli, e lesse l’iscrizione per la millesima volta.

Mary St.Pierre

Il dono di Dio a Micheal

Il dono di Micheal a Dio

Avevano avuto tre settimane, ininterrotte. Mary si era ripresa. Il suo sorriso radioso, gli occhi verdi limpidi e luminosi. Non avevano fatto assolutamente nulla in quelle tre settimane. Avevano staccato il telefono, il televisore e il computer. Il cibo e ogni altro genere di necessità lo facevano portare a casa. La vita era tutto un chiacchierare, mangiare e ridere, e trarre conforto dalla presenza  l’uno dell’altro. Il loro amore non era espresso a parole, bensì attraverso gli sguardi e i gesti. Vi è un senso di conforto in un grande amore che prova solo chi lo conosceva veramente. Infonde calore e sicurezza, ed è scevro da rabbia e gelosia. Procura una sensazione di euforia che rende immuni alle crudeltà della vita. E poi, senza avvisaglie, senza dolore, lei era morta. Nel sonno, con il marito accanto a sé. Micheal era rimasto al suo fianco per ore, versando lacrime silenziose.

Annunci

Perché rileggere i libri amati

Ci sono lettori che, nonostante continuino ad acquistare e prendere in prestito nuovi titoli, continuano a rileggere alcuni libri. Perché lo fanno? E perché vale la pena farlo? Ecco alcuni motivi…

Ci sono lettori che, nonostante continuino ad acquistare e prendere in prestito nuovi titoli, continuano a rileggere alcuni libri. C’è chi lo fa per nostalgia, chi per capire meglio delle storie e comprendere significati più profondi. Ma soprattutto dietro allarilettura c’è quella sensazione di sicurezza che ci conforta. La stessa che spinge a riguardare quel determinato film ogni volta che viene trasmesso in tv, anche se si conoscono tutte le battute a memoria. Rileggere una storia che si conosce già e sapere che qualsiasi cosa accada la trama resterà la stessa per sempre regala anche il senso di stabilità di cui si ha bisogno in alcuni momenti. Inoltre, rileggere un libro porta alla memoria le precedenti letture e le sensazioni e gli avvenimenti collegati. Bustle, che alla rilettura ha dedicato parecchio spazio nell’ultimo periodo, ha cercato le ragioni più comuni per cui si decide di riprendere un libro già completato. Eccone alcune. A differenza della lettura di un nuovo libro, rileggere permette di sapere già che la storia non deluderà. Inoltre, come abbiamo già detto, ripercorrere una trama già conosciuta regala stabilità e conforto anche nei momenti difficili. Riprendere un libro a noi caro quando ci si sente nostalgici o tristi potrebbe essere una cura efficace. Rileggere permette di incontrare di nuovo i propri personaggi preferiti, di rivivere i momenti più emozionanti e di capire meglio alcuni sviluppi della trama. E poi aiuta a immergersi in livelli più profondi di lettura. Molti libri, infatti, a ogni rilettura svelano particolari che ci sono sfuggiti prima. Riprendere un libro a distanza di anni è un’esperienza di sicuro interessante. Oltre a far ricordare momenti del passato e permettere di rivivere le emozioni provate, ci mette di fronte a un’innegabile verità: la percezione e la comprensione delle storie cambiano con il tempo. Quello che ci sembrava un libro sensazionale dieci anni fa, potrebbe ancora darci questa impressione, ma per dei motivi completamente diversi. Provare per credere! Infine, spesso, vale la pena rileggere i volumi che compongono una saga in occasione dell’uscita di un nuovo volume, in particolare se accade ad anni di distanza dal precedente. Riprendere la storia permette di rivivere le vicende e ricordare tutti i personaggi, così da essere pronti a gustarsi al meglio il nuovo volume. (da Redazione “il Libraio”).

leggere.jpg